MILANO E MONZA – L’ARRESTO DEL SINDACO DI SEREGNO SCOPERCHIA IL BUSINESS DELLA ‘NDRANGHETA IN LOMBARDIA

DOVE CI SONO APPALTI, SOLDI E POLITICA, CI SONO LE ‘NDRINE

L’ ETERNO RITORNO DEL “FARAONE” MANTOVANI E QUEGLI SMS CON L’IMPRENDITORE VICINO AI BOSS

BOCCASSINI: ‘UN SISTEMA DI OMERTÀ E CONVENIENZA’

1- “VOGLIONO FARE DI MILANO LA CAPITALE DEI CLAN”

Nicola Grolla per ‘la Stampa

«Un sistema di omertà e convenienza».

Al solito il procuratore antimafia Ilda Boccassini sintetizza efficacemente i motivi che ieri mattina hanno fatto scattare l’ ennesimo blitz contro la ‘ndrangheta in Lombardia: un cancro.

Dei 27 indagati, 21 sono stati arrestati (alcuni ai domiciliari, altri in carcere) con accuse che vanno dall’ associazione a delinquere di stampo mafioso, all’ estorsione, detenzione e porto abusivo di armi, lesioni, danneggiamento, traffico di stupefacenti, corruzione e abuso d’ ufficio.

Giacinto Mariani seregnoGIACINTO MARIANI SEREGNO

Tra tutti, spicca ovviamente l’ arresto del sindaco di Seregno, Edoardo Mazza, esponente del centrodestra e noto, paradossalmente, per le sue posizioni antimafia e contro l’ accattonaggio. Il primo cittadino brianzolo avrebbe favorito le mire dell’ imprenditore Antonino Lugarà colluso con le ‘ndrine locali.
Obiettivo: ottenere la modifica del piano regolatore comunale per permettere la costruzione di un supermercato. Assieme a Mazza sono finiti ai domiciliari anche un assessore e due tecnici mentre tre dipendenti comunali sono stati sospesi dai pubblici uffici. Tra gli indagati c’ è anche il nome di Mario Mantovani, ora consigliere regionale di Forza Italia. Già arrestato due anni fa per concussione, corruzione e turbativa d’ asta per degli appalti legati alla sanità lombarda, Mantovani si difende: «Io sono parte lesa in questa vicenda».

La polemica politica è esplosa. «Personalmente auspico che il sindaco di Seregno possa chiarire in tempi brevi la sua posizione. Se così non fosse, un passo indietro sarebbe doveroso» ha affermato Mariastella Gelmini, coordinatrice regionale di Forza Italia. Le opposizioni puntano il dito contro Roberto Maroni, i 5stelle invocano addirittura il «Daspo per Mantovani». Il governatore lombardo però risponde: «Ben venga l’ azione della magistratura».

Boccassini BiondaBOCCASSINI BIONDA

Anche perché, come dicono gli indagati in una delle intercettazioni, l’ obiettivo alla fine è nientemeno che fare di Milano la nuova «San Luca» del Nord, ovvero il paesino calabrese teatro di sanguinose faide e ad alta densità mafiosa.

«Ormai siamo di fronte a un sistema collaudato» ha affermato Ilda Boccassini. «Omertà e convenienza coincidono – continua la coordinatrice della Dda di Milano -. Ci si rivolge all’ antiStato per avere benefici diretti e sapendo benissimo che persone sono».

A fare da trait-d’ union fra il mondo della politica e quello della criminalità c’ è la figura di Antonino Lugarà. È attraverso la sua intermediazione che Mazza si assicura l’ elezione a sindaco nel 2015. Ed è sempre grazie a lui che la ‘ndrangheta riesce a fare breccia in un giro di favori che non fa perno sul il denaro ma sulle promesse di benefici comuni.

Un aspetto ben chiaro a Lugarà che, in un’ intercettazione telefonica, confida al figlio che «queste persone poi vengono a chiederti in cambio i loro favori. E non gli puoi dire di no».

Nonostante ciò, l’ imprenditore si appoggiava spesso ai servizi delle reti mafiose di Limbiate e Mariano Comense. In un’ occasione avrebbe chiesto ai malavitosi di risolvere una questione di riscossione crediti ai danni di Cosimo Tulli: «Lo hanno ammazzato di bastonate» racconta Lugarà alla moglie. Un’ azione che dà la cifra della violenza «stupida e sfacciata» con cui il gruppo criminale portava avanti le sue azioni.

MARIO MANTOVANI ROBERTO MARONIMARIO MANTOVANI ROBERTO MARONI

«Di solito si dice che la mafia in Lombardia sia silente, ma questo è molto lontano dalla realtà dei fatti» commenta il pubblico ministero Alessandra Dolci. Dalle indagini sugli appartenenti al “locale” di Mariano Comense è emersa, in particolare, un’ attività di stoccaggio e commercializzazione di ingenti quantitativi di cocaina, anche in partite da 50 chili. I criminali si recavano spesso in Olanda, Germania e Grecia al fine di mantenere i contatti con i fornitori stranieri.

2- L’ ETERNO RITORNO DEL “FARAONE” MANTOVANI E QUEGLI SMS CON L’ IMPRENDITORE VICINO AI BOSS

Michele Sasso per la Stampa

«Lo abbiamo messo a fare il consigliere. Non sapevo chi c… mettere. Abbiamo messo lui e ha vinto. I voti vabbè me li ha dati Mario». Così il figlio dell’ imprenditore Antonino Lugarà, arrestato ieri nel blitz per corruzione e ‘ndrangheta, intercettato parlava dell’ elezione al Comune di Seregno (paesone della Brianza) del candidato Stefano Gatti e del ruolo del ras di Forza Italia Mario Mantovani, indagato per corruzione in una tranche dell’ inchiesta. Un’ intercettazione che racconta l’ intreccio tra politica e malavita.

Mario Mantovani è la longa manus di Berlusconi in Lombardia: sindaco-padrone di Arconate, imprenditore e sottosegretario alle Infrastrutture, prima di passare alla Regione Lombardia come vice del governatore Maroni e assessore alla Sanità con il soprannome di “Faraone”, per le 13 mila preferenze e il potere sconfinato che gli viene attribuito.
MARIO MANTOVANI SILVIO BERLUSCONI
MARIO MANTOVANI SILVIO BERLUSCONI

Il proconsole berlusconiano ora si proclama innocente: «Sono parte lesa in questa vicenda, voglio andare in procura e chiarire». Ma, accertano gli inquirenti, è a lui che si rivolge l’ imprenditore colluso con le locali ‘ndrine Antonino Lugarà per gli incontri elettorali che portano il sindaco Edoardo Mazza alla vittoria (siamo a giugno 2015) e soprattutto all’ elezione del proprio uomo di fiducia Gatti, in grado di “aggiustare” gli atti comunali in favore di Lugarà e quindi ieri arrestato.

Un appoggio confermato anche da un messaggio che l’ imprenditore invia al suo amico: «Ciao Mario, ti ringrazio molto per la vittoria di Seregno, è anche merito tuo».

Passano 5 mesi e Mantovani viene arrestato per corruzione, concussione e turbativa d’ asta in un’ inchiesta per tangenti nella sanità. Appena scarcerato però viene reintegrato al parlamentino lombardo. Sempre in sella, il «Faraone» Mantovani, che nonostante le grane giudiziarie (due processi in corso) continua ad esercitare il ruolo di leader: pronto a correre per le prossime elezioni regionali di primavera sotto le insegne della sigla «Noi siamo Repubblicani».

D’ altronde il Faraone è in buona compagnia. Non c’ è inchiesta sulla ‘ndrangheta che non abbia visto un politico locale o un imprenditore inquisito.

DOMENICO ZAMBETTIDOMENICO ZAMBETTI

Per esempio l’ ex assessore alla Casa, Domenico Zambetti, che con il suo arresto nel 2012 fece cadere la giunta del governatore Roberto Formigoni. Condannato a 13 anni e 6 mesi per voto di scambio e concorso esterno in associazione mafiosa, secondo la ricostruzione dei magistrati, Zambetti girò 200mila euro a cosche che gli fornivano i voti.

Oppure ecco l’ imprenditore Giuseppe Bersani che incarica il boss di Fino Mornasco di riscuotere un preteso credito di 270 mila euro da un avvocato e un commercialista (svizzero) che hanno difeso in tribunale; oppure Massimo Guffanti, ramo carburanti, che vuole invece 300 mila euro da una società d’ impiantistica di Lomazzo appena fallita; e ancora Michele Malacrida, amministratore delegato della Elettrotecnica Malacrida, che chiede di poter rientrare di un milione di euro dai debitori.

Fonte: qui

‘Ndrangheta: cade la Giunta del Comune di Seregno

Negli atti: ‘padrone’ è il vicesindaco leghista

AnsaLa Giunta comunale di Seregno (Monza) è caduta, a seguito delle dimissioni di consiglieri e assessori di Lega Nord, Forza Italia e della minoranza, centrosinistra e liste civiche, che hanno deciso in massa di abbandonare l’incarico. Il Comune, da due giorni, è al centro della bufera per la maxi-inchiesta su infiltrazioni di ‘Ndrangheta nel mondo della politica e dell’imprenditoria in Brianza.

Secondo la minoranza però, senza il loro contributo la Giunta sarebbe rimasta in piedi “È stata una scelta necessaria anche per la minoranza, dato che qualcuno della maggioranza non ha mollato – ha commentato William Viganò, capogruppo del Pd nell’appena decaduto Consiglio – altrimenti non ci sarebbero stati i numeri per far cadere questa Giunta, un atto dovuto ai cittadini”. La decisione di tutto il consiglio comunale ha evitato l’eventuale commissariamento del Comune, ipotizzato dal Prefetto di Monza Giovanna Vilasi ieri sera a seguito dell’attesa decisione del Gip di Monza sull’interdizione del vice sindaco Giacinto Mariani, indagato a piede libero per abuso d’ufficio, chiesta dalla magistratura.

Il “padrone” dell’amministrazione comunale di Seregno, in Brianza, finita al centro di una maxi-inchiesta di ‘ndrangheta e corruzione, e anche “unico padrone” del sindaco Edoardo Mazza, ora ai domiciliari, sarebbe stato Giacinto Mariani, il vicesindaco leghista, indagato per abuso d’ufficio, emerge da un’intercettazione contenuta in un’annotazione dei carabinieri. In una telefonata dell’ottobre 2015, il costruttore Antonino Lugarà, in carcere per corruzione e vicino alla ‘ndrangheta, parla di Mazza con Stefano Gatti, consigliere (anche lui ai domiciliari), e quest’ultimo gli dice: “Lui c’ha il padrone … unico padrone … Giacinto Mariani“. In un’altra intercettazione un architetto dice che Mazza è “di fatto ‘guidato’ dal vice-sindaco Mariani, definendolo nella circostanza addirittura una ‘pedina’”.

 

Precedente Un impero fallito: la Russia e la strategia militare cinese per contenere gli Stati Uniti Successivo IL VENTO È CAMBIATO. NEGLI USA DA PIÙ DI UN ANNO LE GRANDI CATENE DI NEGOZI HANNO DOVUTO ALZARE I SALARI ...