Privacy Policy Ciò che gli americani temono di più nell'assassinio del JFK, parte 1 | Una Lira per l'Italia
Crea sito

Ciò che gli americani temono di più nell’assassinio del JFK, parte 1

Uno dei fenomeni affascinanti dell’assassinio del JFK è la paura di alcuni americani di considerare la possibilità che l’assassinio fosse in realtà un’operazione di cambio di regime condotta dall’establishment di sicurezza nazionale degli Stati Uniti piuttosto che semplicemente un omicidio compiuto da un presunto solitario- Assassino.

La montagna di prove emerse, soprattutto dagli anni ’90, quando il JFK Records Act imponeva il rilascio di documenti top-secret relativi agli omicidi all’interno dell’establishment della sicurezza nazionale, è stato nella natura di prove circostanziali, rispetto alle prove dirette . Quindi, posso capire che qualcuno che ripone poca fiducia nel potere delle prove circostanziali potrebbe studiare e rivedere tali prove e decidere di abbracciare la “teoria solitaria” del caso.

Ma molte delle persone che hanno abbracciato la teoria del dado solitario non hanno mai trascorso del tempo a studiare le prove nel caso e tuttavia hanno abbracciato la teoria del dado solitario. Perché? La mia impressione è che la ragione è che hanno una paura profonda di essere etichettati come un “teorico della cospirazione”, che è il termine che la CIA molti anni fa ha consigliato alle sue risorse nella stampa mainstream di impiegare per screditare coloro che stavano mettendo in discussione la narrazione ufficiale in il caso.

Come molti altri, ho studiato le prove nel caso. Dopo averlo fatto, ho concluso che le prove circostanziali che puntavano verso un’operazione di cambio di regime hanno raggiunto una massa critica. Sulla base di queste prove, per me l’assassinio di Kennedy non è una teoria della cospirazione, ma piuttosto il fatto di un’operazione di cambio di regime dello stato di sicurezza nazionale, non diversa in linea di principio rispetto ad altre operazioni di cambio di regime, anche attraverso l’assassinio, condotte dagli Stati Uniti istituto di sicurezza nazionale, soprattutto attraverso la CIA.

È interessante notare che ci sono quelli che non hanno mostrato riluttanza a studiare i fatti e le circostanze riguardanti le operazioni di cambio di regime straniero condotte dalla CIA e dal Pentagono. Ma quando si tratta dell’assassinio di Kennedy, corrono verso le colline, esclamando che non vogliono essere tirati giù dalla “tana del coniglio”, il che significa che non vogliono rischiare di essere etichettati come un “teorico della cospirazione” “.

Per coloro che non hanno mai approfondito l’assassinio di Kennedy ma hanno interesse per la questione, lasciatemi esporre solo alcune delle ragioni per cui le prove circostanziali indicano un’operazione di cambio di regime da parte dello stato di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Quindi, alla fine di questo articolo, segnalerò alcuni libri e video per coloro che desiderano approfondire la questione.

Comincio con una tesi di base: Lee Harvey Oswald era un agente dell’intelligence per lo stato profondo degli Stati Uniti. Ora, questa tesi sconvolge senza dubbio le persone che hanno sempre creduto nella teoria solitaria dell’assassinio. Non riescono proprio a immaginare che Oswald avrebbe potuto davvero lavorare per il governo americano al momento dell’assassinio.

Tuttavia, quando si esaminano obiettivamente le prove nel caso, la teoria solitaria non ha alcun senso. L’unica tesi coerente con l’evidenza e, bene, il buon senso, è che Oswald era un agente dell’intelligence.

Chiediti: quanti marines comunisti hai mai incontrato o addirittura sentito parlare? Il mio sospetto è nessuno. Non un solo marine comunista. Perché un comunista dovrebbe unirsi ai Marines? I comunisti odiano il Corpo dei Marines degli Stati Uniti. In effetti, il Corpo dei Marines degli Stati Uniti odia i comunisti. Uccide i comunisti. Li tortura. Invade i paesi comunisti. Li bombarda. Li distrugge.

Quali sono le possibilità che il Corpo dei Marines consenta a un comunista apertamente dichiarato di servire nei suoi ranghi? Nessuna! Non esiste tale possibilità. Eppure, ecco Oswald, i cui amici marini chiamavano “Oswaldovitch”, assegnato alla base navale di Atsugi in Giappone, dove l’Aeronautica degli Stati Uniti stava basando il suo aereo spia U-2 top-secret, uno che stava usando segretamente sorvolare l’Unione Sovietica. 

Perché la Marina e l’Aeronautica avrebbero permesso un comunista autoproclamato anche vicino all’U-2? 

Ha senso?

Mentre Oswald prestava servizio nel Corpo dei Marines, divenne fluente nella lingua russa. Come è possibile? Quante persone hai conosciuto che sono diventate fluenti in una lingua straniera da sole, soprattutto quando hanno un lavoro a tempo pieno? Anche se sono in grado di studiare una lingua straniera dai libri, devono esercitarsi nella conversazione con le persone in quella lingua per diventare esperti nel parlarla. Come ha fatto Oswald a farlo? C’è solo una ragionevole possibilità: lezioni di lingua tenute da tutor militari statunitensi.

Dopo aver lasciato il Corpo dei Marines, Oswald si recò nell’Unione Sovietica, entrò nell’ambasciata degli Stati Uniti, rinunciò alla sua cittadinanza e dichiarò che intendeva fornire tutti i segreti che aveva appreso mentre prestava servizio militare in Unione Sovietica. Più tardi, quando dichiarò il suo desiderio di tornare negli Stati Uniti, con una moglie con legami familiari con l’intelligence sovietica, Oswald ricevette il trattamento del tappeto rosso al suo ritorno. Nessuna convocazione da gran giuria. Nessuna accusa della giuria. Nessun interrogatorio dell’FBI. Nessuna convocazione del Congresso da testimoniare.

Ricorda: questo era all’apice della Guerra Fredda, quando l’establishment della sicurezza nazionale degli Stati Uniti stava dicendo agli americani che a Mosca c’era una cospirazione comunista mondiale basata sull’inferno di conquistare gli Stati Uniti e il resto del mondo. Gli Stati Uniti erano andati in guerra in Corea a causa della presunta minaccia comunista. Farebbero lo stesso in Vietnam. Avrebbero preso di mira Cuba e Fidel Castro con invasione e assassinio. Escluderebbero operazioni di cambio di regime su entrambi i lati dell’assassinio di Kennedy: Iran (1953), Guatemala (1954), Cuba (anni ’60), Congo (1963) e Cile (1973).

Durante gli anni ’50, prendevano di mira qualsiasi americano che avesse avuto qualche legame con il comunismo. Facevano appello a persone per testimoniare davanti al Congresso se fossero mai stati membri del Partito Comunista. Stavano distruggendo la reputazione delle persone e costando loro il lavoro. Ricorda il caso di Dalton Trumbo e di altri scrittori di Hollywood che furono accusati e incarcerati. Richiama la lista nera di Hollywood. Ricorda i Rosenberg, che hanno giustiziato per aver dato segreti sovietici alla sicurezza nazionale. Pensa a Jane Fonda.

Infatti, se vuoi una versione moderna di come lo stato di sicurezza nazionale degli Stati Uniti tratta i sospetti traditori e traditori dei suoi segreti, rifletti su Julian Assange, Edward Snowden e Chelsea Manning. È così che ci aspettiamo che i funzionari dello stato della sicurezza nazionale si comportino nei confronti di coloro che considerano traditori e traditori dei segreti statunitensi.

Non così con Oswald. Con lui abbiamo ciò che equivale a due universi paralleli separati. Un universo coinvolge tutti gli hoopla della guerra fredda contro i comunisti. Un altro è quello in cui Oswald si sta aggirando sulla scena mondiale come uno dei più grandi comunisti autoproclamati d’America – un comunista marino americano – che non è toccato da alcun comitato investigativo congressuale, da una grande giuria federale o da un agente dell’FBI. Come è possibile?

Più tardi, quando Oswald finì a Dallas, i suoi amici erano di destra, non di sinistra. Ha anche trovato lavoro in una struttura fotografica che ha sviluppato fotografie top-secret per il governo degli Stati Uniti. Come è possibile? Più tardi, quando è finito a New Orleans, è stato assunto da una società privata che era di proprietà di un feroce braccio destro anticomunista. Perché avrebbe assunto un presunto comunista che presumibilmente aveva tradito l’America presumibilmente unendosi al nemico comunista dichiarato dell’Unione, l’Unione Sovietica, e al quale avrebbe presumibilmente dato segreti di stato sulla sicurezza nazionale degli Stati Uniti, proprio come avevano fatto Julian ed Ethel Rosenberg?

Autore di Jacob Hornberger tramite The Future of Freedom Foundation