IN ANTARTIDE C’È UNA MACABRA CASCATA COLOR ROSSO RUGGINE CHE IRROMPE FRA I GHIACCI

POTREBBE SEMBRARE LO SCENARIO DI UNA MATTANZA, INVECE E’ QUALCOSA DI COMPLETAMENTE NATURALE: LO HANNO SCOPERTO I RICERCATORI ANALIZZANDO L’ACQUA…

Noemi Penna per la Stampa

Potrebbe sembrare il macabro scenario di una mattanza. E invece questo ghiaccio “insanguinato” è qualcosa di completamente naturale. Si tratta di un fenomeno che ha scosso molti animi, osservato per la prima volta dal geologo Griffith Taylor nel 1911.

Siamo vicino al lago ghiacciato Bonney, in Antartide. Ed è impossibile non notare quelle macchie rosso sangue che rompono il bianco cristallino circostante. Si è da subito capito che non si trattava di sangue umano o animale, ma il mistero del macabro fenomeno è proseguito per quasi un secolo.

CASCATA COLOR SANGUE ANTARTIDECASCATA COLOR SANGUE ANTARTIDE

Solo recentemente si è infatti scoperto che a colorare di rosso il ghiaccio, creando un effetto «cascata di sangue» a intermittenza, è l’acqua che sgorga da un enorme lago salato sotterraneo, risalente a 1,5 milioni di anni fa. 

I ricercatori hanno prelevato e analizzato chimicamente l’acqua salmastra che ciclicamente emerge in superficie, trovando una altissima concentrazione di ferro che, a contratto con l’aria, si ossida, imprimendo il color ruggine sul ghiaccio.  Per individuare il bacino sotterraneo antantirco è stato utilizzato il Radio Eco Sounding, una tecnica basata sul rimbalzo dei suoni ad alta frequenza nell’ambiente.

Ma è solo grazie al differente punto di congelamento, dato proprio dalla salinità dell’acqua sotterranea, se il flusso ferroso riesce a rimanere allo stato liquido e a sgorgare dai ghiacci, creando questa cascata rossa unica al mondo.  

CASCATA COLOR SANGUE ANTARTIDECASCATA COLOR SANGUE ANTARTIDE

Fonte: qui

Precedente I TUMORI DEL SANGUE SONO SEMPRE PIÙ DIFFUSI IN ITALIA A CAUSA DELL’INVECCHIAMENTO DEMOGRAFICO Successivo ASSEDIATA DAI RIBELLI SIRIANI TRABALLA RAQQA, ULTIMA ROCCAFORTE DEL CALIFFATO DELL' ISIS