Stato e Cittadini

L’organizzazione attuale dello Stato è burocratica, costosa ed inefficiente, vogliamo una profonda e completa riforma del modo di operare dello Stato e siamo, pertanto, promotori di una “Rivoluzione” culturale e sociale, che porti all’attuazione nella nostra Carta Costituzionale della sovranità popolare, mettendo l’amministrazione statale effettivamente al servizio dell’intera collettività e del singolo cittadino(prendendo come modello di riferimento quello svizzero); vogliamo inoltre la tutela del nostro patrimonio culturale, artistico, scientifico ed ambientale.

Vogliamo eliminare ogni forma di differenza “territoriale” nell’erogazione dei servizi statali essenziali: non devono esistere cittadini di serie A e altri di serie B, per nessun motivo; i servizi devono essere efficienti su tutto il territorio nazionale, da nord a sud, da Bolzano a Lampedusa.

Vogliamo che lo Stato dia i servizi essenziali, il lavoro e la dignità di vita ad ogni essere umano, bandendo pietismo ed egoismo, incentivando la cooperazione fra gli individui, al fine ultimo di creare le migliori opportunità per un futuro più roseo, per tutti.

Siamo promotori di una riforma costituzionale che consenta ai cittadini di proporre sia delle leggi, che le attuazioni di provvedimenti amministrativi, oltre all’esercizio di referendum propositivi e consultivi vincolanti, sia nazionali che locali.

Siamo promotori di uno Stato che salvaguardi – non intervenendo – la libera iniziativa, laddove esista un mercato libero ed effettivamente concorrenziale, e che consenta di far prosperare la piccola e media impresa quale eccellenza del nostro paese.

Cosa vogliamo inoltre cambiare?

Vogliamo la lotta concreta alla corruzione;

Vogliamo la semplificazione delle procedure amministrative e della burocrazia, in modo da mettere lo Stato ed i suoi dipendenti al servizio del cittadino e dell’impresa;

Vogliamo meritocrazia nella selezione e nella valutazione della classe dirigente, con licenziabilità immediata nel caso di manifesta incapacità di operare e/o di corruzione.

Vogliamo la semplificazione della macchina fiscale e tributaria, con una sola tassa principale sul reddito prodotto, con la contemporanea eliminazione di tutte le tasse ed i bolli restanti.

Cancellazione delle aliquote I.V.A.

Capital gain, dividendi e rendite: imposta unica 7,5% ad accezione dei titoli di stato che ne sono esenti che viene pagato solo se conseguita in Italia. Nessun bollo su C/C, C/T ed abolizione tobin tax.

Abolizione di Imu, Tasi etc, etc

Tasse di acquisto immobili: prima casa, unica 3%, altri 5%. 

Accise sui carburanti: unica 30% sul costo del venduto ed eliminate tutte le restanti tasse.

Eliminati bolli e tasse di registro.

Vogliamo rimodulare le aliquote fiscali, contemporaneamente all’eliminazione dei meccanismi anomali delle deduzioni/detrazioni fiscali e il completo taglio dei fondi incentivanti le imprese, in modo che a regime si abbia, con 3 Aliquote sul reddito prodotto per le persone fisiche,  la seguente tassazione:

fino a 7.000 € totalmente esente;

da 7.000 a 25.000 al 12,5%

per cifre superiori => al 20%

Per le società: 15%

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

One thought on “Stato e Cittadini

Lascia un commento